Scossa di terremoto di magnitudo 3.9 con epicentro a Tolmezzo

Scossa di terremoto alle 15.57 di magnitudo 3.9 con epicentro fra Tolmezzo e Verzegnis, profondità 5 km.

La scossa, di breve durata, si è sentita distintamente in tutto l’Alto Friuli, il Collinare, l’Udinese, le Valli del Natisone e anche una parte del Pordenonese.

Successivamente, alle 16.06, c’è stata un’altra scossa di magnitudo 1.3.

Poi alle 18.14 la terra ha tremato ancora, magnitudo 1.9, sempre con epicentro a Tolmezzo.

Come ha confermato anche l’assessore regionale alla Protezione Civile Riccardo Riccardi, non vengono segnalate criticità.

NOTA UFFICIALE PROTEZIONE CIVILE FVG

Alle 15:57 di oggi, 14 giugno 2019, la Rete Sismometrica del Friuli Venezia Giulia ha rilevato un terremoto di magnitudo 3.9 localizzato in Carnia, a circa 2 km a sud-ovest di Tolmezzo, profondità circa 7 km. Al momento si segnalano quattro repliche di modesta energia, con magnitudo inferiore a 1.5, occorse nella mezzora successiva alla prima scossa.
Come da prassi, il sistema di localizzazione preliminare automatica dell’evento ha inviato subito dopo la scossa, le mail di notifica a tutti i soggetti del Sistema regionale integrato di protezione e agli organi di informazione per una più rapida diffusione delle  informazioni verso i cittadini.
La centrale unica di risposta NUE 112 e la Sala operativa regionale presso la Centrale operativa della Protezione civile a Palmanova hanno risposto a una ventina di richieste di informazioni ma non sono state ricevute segnalazioni di danni a persone o a cose.
Il livello più basso di attivazione per il sistema di protezione (Livello di attivazione A) stimato inizialmente per 70 comuni della Carnia e dell’area pedemontana viene al momento confermato dai dati provenienti di volontari dei Gruppi comunali di protezione civile attraverso le schede di segnalazione del risentimento sismico sul territorio.
I Vigili del Fuoco hanno eseguito una verifica tecnica presso l’ospedale di Tolmezzo, precauzionalmente è stata sospesa la circolazione dei treni sulla linea pontebbana nel tratto compreso tra Tarcento e Pontebba.
La Sala operativa regionale non ha inoltre ricevuto informazioni di danni da parte dei Comuni e dei Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco di Udine e Pordenone.

CLICCARE QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO DEL CENTRO DI RICERCHE SISMOLOGICHE DI UDINE

Commenta con Facebook