Rally Valli della Carnia declassato, Bearzi: «Non so se valga la pena continuare»

Ieri sono state comunicati da Aci Sport le composizioni dei Campionati Italiani 2023 e i coefficienti di validità delle gare. Al Rally Valli della Carnia, confermato quale prova di Coppa Rally Quarta Zona, è stato assegnato il coefficiente 1, generando viva sorpresa e disappunto nel comitato organizzatore, ovvero la scuderia Carnia Pistons.

“Siamo profondamente delusi per questa decisione completamente inaspettata – dichiara il presidente Matteo Bearzi -. Per tre edizioni consecutive il Rally Valli della Carnia ha avuto il coefficiente maggiorato 1,5 e riscontri assolutamente positivi dagli addetti ai lavori. Tutti i piloti che ci hanno onorato della loro partecipazione dicono che la nostra è la gara migliore in Friuli Venezia Giulia, per cui ci riesce davvero difficile comprendere le ragioni di quella che consideriamo un’immotivata retrocessione. Ci sembra che la Federazione non abbia agito in senso meritocratico e per questo, a malincuore, stiamo ragionando se valga la pena proseguire nel nostro impegno organizzativo, pur consapevoli dell’importanza del Rally come occasione d’incontro, di socialità, di sfida sportiva leale e appassionata, in grado di promuovere e valorizzare il territorio di riferimento”.

Fin qui Bearzi a botta calda, in attesa di assumere a breve delle decisioni ufficiali da parte del direttivo di Carnia Pistons.

(in copertina, nell’immagine Photofelzi, una fase del Rally 2022)