Quattro mesi di lockdown nell’Africa remota in mostra a Sappada

È stata inaugurata a Sappada, tra le incantevoli vie della borgata vecchia, la mostra di Leonardo Mangia “Quattro mesi di lockdown nell’Africa Remota”.

Il giovane e talentuoso fotografo udinese descrive in questa esposizione, attraverso i suoi scatti, i quattro mesi che ha trascorso a Lodwar, nel Deserto di Turkana, durante l’emergenza del Coronavirus.

Attraverso le sue foto, Mangia racconta la quotidianità della vita durante la crisi, una quotidianità che Mangia ha catturato con l’obiettivo della macchina fotografica concentrandosi soprattutto sulle difficoltà che ogni giorno uomini, donne e bambini devono superare per sopravvivere.
Proprio i bambini hanno un ruolo centrale nell’esposizione, in quanto sono state le prime vittime indirette del Coronavirus. Molti di loro, a seguito della chiusura delle scuole e degli orfanotrofi, si sono infatti ritrovati sulla strada da un giorno all’altro.

La mostra, visitabile fino al 30 settembre, è organizzata dalla locale Proloco.

 

 

Commenta con Facebook