Pubblico e privato insieme per ridisegnare la Porta della Carnia ad Amaro

È stata accolta con entusiasmo l’iniziativa del Carnia Industrial Park che ha voluto raccogliere e raccontare in un incontro dedicato le progettualità relative all’area di accesso alla Carnia, in zona industriale di Amaro, in prossimità dell’uscita del casello autostradale.
Presso la sala Cedolini della sede Consortile, la sindaca di Amaro Laura Zanella e i tecnici comunali, gli imprenditori e i professionisti coinvolti, i dipendenti, il CdA e il Comitato di Consultazione delle imprese insediate del Parco Industriale, hanno assistito alla presentazione di tre progetti, ciascuno in una diversa fase di avanzamento, per condividere gli scenari e le opportunità di sviluppo dell’area, in un confronto propositivo e stimolante tra rappresentanti della pubblica amministrazione e privati.

L’architetto Stefano Gri dello studio GEZA Gri e Zucchi architettura di Udine (con sedi anche a Milano e Venezia) ha illustrato quella che sarà la nuova Autotrasporti D’Agaro & Co. srl di Amaro che, dopo l’acquisto dal Carnia Industrial Park di nuovi lotti destinati a piazzali per gli autoveicoli, ha deciso di effettuare un importante investimento per il completo rifacimento dello storico fabbricato, ampliando e rendendo funzionali e più moderni gli spazi a disposizione per chi svolge le attività direzionali e gestionali e le attività di manutenzione dei mezzi.
Un’opera, quella ideata dallo studio Geza, di forte impatto visivo e innovativo, che evoca l’attività dell’Azienda e i principi di affidabilità e identità territoriale ai quali si ispira.
I lavori relativi al primo lotto dell’intervento, che interessano la ristrutturazione e l’ampliamento del fabbricato, sono già iniziati e si prevede la conclusione entro il primo semestre 2020. L’avvio del secondo lotto relativo alla realizzazione della grande infrastruttura esterna è previsto per l’autunno del prossimo anno.

Il secondo progetto presentato è stato quello ormai da tutti conosciuto come la Porta della Carnia, ossia l’infrastruttura per l’attraversamento ciclo-pedonale della rotatoria di Amaro.
Gli architetti Tommaso Michieli e Christian Zanatta dello studio MichieliZanatta.net i Udine e Giavera del Montello (TV) – incaricati dal Consorzio della progettazione definitiva-esecutiva, assieme agli altri componenti il Raggruppamento Temporaneo di Professionisti, ing. Massimo Gallonetto e p.i. Fabrizio Valerio – hanno raccontato la loro proposta progettuale, frutto di una profonda rivisitazione del Concept vincitore del Concorso di Idee promosso dal Carnia Industrial Park nel 2018.
Pur mantenendo l’idea originaria di un ponte ciclo pedonale quale risposta alle esigenze di sicurezza e per favorire la mobilità pedonale e ciclabile, il loro progetto potenzia l’elemento identitario e simbolico che valorizza e caratterizza il territorio della Carnia.
Un’opera ricca di componenti innovative e tecnologiche che si qualifica, dal un punto di vista delle soluzioni progettuali, quale dispositivo paesaggistico per la produzione di servizi per l’ecosistema e la mitigazione ambientale: assorbimento di CO₂ e filtrazione delle particelle inquinanti, incremento e tutela della biodiversità, promozione della mobilità dolce.
L’intervento, già inserito nel Piano Industriale del Consorzio e per il quale è stato recentemente concesso un co-finanziamento dall’assessorato alle Attività produttive della Regione FVG, è attualmente in fase di completamento e approvazione della progettazione definitiva-esecutiva. L’inizio dei lavori è programmato per la primavera 2020.
L’infrastruttura andrà a collegarsi con la pista ciclabile che sorgerà sull’ex tratta ferroviaria Tolmezzo-Carnia, il cui progetto nasce dalla collaborazione fra il Consorzio e l’UTI della Carnia.

A concludere l’incontro, l’intervento dell’architetta Barbara Candoni e della designer Sylva Gortana dello studio di Udine DAS 16.8 – recentemente omaggiate da un importantissimo riconoscimento con il loro progetto Oikos srl | Colore e materia per l’architettura risultato tra i 45 progetti selezionati “Best Italian Exhibitiion Design 2019” – che hanno presentato alcune suggestioni in merito allo studio, commissionato dal Carnia Industrial Park, per la realizzazione di un business hotel presso l’area nord a ridosso della rotatoria di Amaro.
A differenza dei precedenti lavori, entrambi in fase di realizzazione, il concept business hotel Porta della Carnia è al momento in fase di sviluppo del progetto di fattibilità tecnica economica.

La Sindaca di Amaro, Laura Zanella, al termine delle presentazioni, si è soffermata sui contenuti dei progetti e soprattutto sul metodo utilizzato: «È bello partecipare a momenti come questo, nel quale le progettualità degli imprenditori privati sono coerenti e integrate con gli indirizzi urbanistici e le infrastrutture proposte e realizzate dal pubblico. Credo che la cosa più emozionante di stasera sia stata quella di vedere proiettata nel futuro un’area importante come quella di Amaro, con una evidente vocazione tecnologica innovativa. Saremo certamente al fianco degli imprenditori e del Consorzio per snellire le procedure autorizzative necessarie, nel rispetto degli indirizzi del piano regolatore comunale».

Per consentire di prendere visione delle progettualità, in particolare alle lavoratrici e ai lavoratori dell’area, a breve, presso la sala mensa de La Tavola di Carnia di Amaro, sarà allestito uno spazio espositivo per raccontare idee, proposte e progettualità relative alla Porta della Carnia.

Commenta con Facebook