Piscina di Tolmezzo, botta e risposta fra sindaco e opposizione

Botta e risposta sul tema della piscina comunale di Tolmezzo dopo il consiglio comunale di ieri.

immagine2Al termine della seduta il sindaco Francesco Brollo sul suo Profilo Facebook ha scritto: “Stasera abbiamo approvato la variazione di bilancio per pagare gli ultimi lavori necessari a riaprire la piscina! Quando riaprirà ricordiamoci dei consiglieri di opposizione che hanno votato contro, perché votare no portava solo a un risultato: procrastinare, tardare, provocare ancora un ritardo.  C’è chi vuole aprire e fa di tutto per farlo e chi no. Il resto è fuffa”.

La replica non si è fatta attendere, con una nota congiunta firmata dalle liste di opposizione, ovvero Lista Zearo, Alleanza per Tolmezzo-Tolmezzo Domani e Movimento 5 Stelle, che proponiamo:  “Che il Sindaco di Tolmezzo fosse inadatto a ricoprire il ruolo di primo cittadino è cosa nota. Che abbia impostato la sua azione amministrativa su spot e slogan è risaputo. Che sia a capo di una squadra, da lui scelta, priva del pur minimo amalgama è arcirisaputo. Ma che subito dopo la fine dell’ultimo Consiglio Comunale sul suo profilo Facebook accusi l’opposizione di voler ritardare i lavori di ripristino della piscina è distorsione deliberata della verità e realtà dei fatti, che ha come effetto di diffondere un’opinione erronea e tendenziosa al fine di trarre un vantaggio di immagine. Si chiama mistificazione, ed è un’arte che solo i deboli e gli insicuri, che sono al potere, mettono in atto per coprire le proprie debolezze e la propria inettitudine. Poichè si tratta dei soldi dei nostri concittadini di Tolmezzo l’opposizione ha fatto solo notare, attraverso puntuali, documentati e incisivi intervento del consigliere Muser e Marcon, che tali lavori straordinari e strutturali dovevano essere pagati da chi è titolare del diritto di superficie cioè l’UTI (ex Comunità Montana della Carnia), in quanto il Comune non è ha titolo. La confusione del Sindaco e del Vicesindaco era palpabile, al punto che in loro soccorso è dovuto intervenire il Segretario Comunale che ha interpretato le norme in maniera difforme rispetto a quanto l’opposizione segnalava. A questo punto forse sarebbe opportuno una verifica da parte dell’ente preposto al controllo della correttezza della procedura, prima di impegnare i soldi dei cittadini. Far passare l’informazione alla cittadinanza che l’opposizione ha ostacolato le procedure di riapertura della piscina è operazione scorretta da tutti i punti di vista. Anche ricordando le numerose interrogazioni fatte in questi anni dall’opposizione per capire i tempi di riapertura della piscina. Così come scorretta è l’operazione di inserire in un’unica delibera la piscina e la variazione di bilancio per l’acquisto di un tendone per manifestazioni e feste dal costo di 8.400 euro, quando la Pro Loco di Tolmezzo ne ha già uno. Il tutto per l’incapacità di questa amministrazione di rapportarsi con la stessa Pro Loco. Ma su questo sul suo profilo facebook il Sindaco ha dimenticato di parlare. Forse perchè l’assurdità di tale spesa è stata riconosciuta anche da pressochè tutti i consiglieri di maggioranza, che però sono stati costretti a votarla perchè legata alla piscina, con la sola lodevole eccezione dell’ass. De Martino?

PER RIVEDERE L’INTERA SEDUTA




 

Commenta con Facebook

Un pensiero su “Piscina di Tolmezzo, botta e risposta fra sindaco e opposizione

  • 1 Ottobre 2016 in 8:45
    Permalink

    Lavori in piazza con fondi procurati dal centrodestra, Lavori Betania idem, Lavori piscina idem, Lavori frazioni idem, Lavori su depuratore consortile idem, ecc. ecc. Brollo invece di accusare l’opposizione ci dica cosa ha ottenuto fino ad oggi dalla sua madrina Serracchiani… un bel niente (solo ordini per smantellare la Carnia). E’ talmente abituato a dormire sugli allori che al bando della regione appena concluso che assegnava ben 600.000 euro a findo perso per opere pubbliche non ha neppure presentato domanda! Complimenti Signorino Sindaco. Bravo con i social il resto é fuffa. Tanto fumo e poco, anzi niente arrosto. Tipico atteggiamento da quarantenne Renziano.

I commenti sono chiusi.