Ora l’Ospedale di Tolmezzo può disporre di una Risonanza Magnetica d’avanguardia

Giovedì 20 dicembre alle ore 15, nella Sala Bergnach dell‘Ospedale di Tolmezzo, verrà inaugurata la nuova Risonanza Magnetica, presenti fra gli altri il vicepresidente della Regione Riccardo Riccardi e l’arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato.

La nuova Risonanza Magnetica Siemens Magnetom Aera è un’apparecchiatura d’avanguardia e con un campo magnetico da 1,5T consente esami total body.

Dotata di magnete superconduttivo, presenta elevate prestazioni in termini di gradienti e numero di canali di acquisizione. Grazie alla maggior ampiezza del suo gantry. consente un maggior confort per i pazienti, anche per quelli obesi, così come a coloro che soffrono di claustrofobia. L’apparecchiatura è particolarmente completa ed attrezzata per lo svolgimento di ogni tipo di indagine diagnostica; in particolare è dotata di applicativi software, sequenze e bobine per l’esecuzione di esami dei diversi distretti corporei, compresi i distretti neurologici e articolari, con applicazioni avanzate per esami vascolari, angiografici, neurologici, esami per RM funzionale ed urologici per lo studio  della prostata mediante l’utilizzo di sequenze di diffusione. È inoltre dotata di una speciale bobina ad elevato segnale per l’ambito senologico.

La nuova Risonanza Magnetica si distingue dalla vecchia apparecchiatura alloggiata sul mezzo mobile anche per la maggiore velocità di acquisizione ed esecuzione dell’esame RM e la qualità delle immagini, altamente più definita, con miglioramento dell’accuratezza diagnostica.

L’acquisizione della nuova attrezzatura consentirà alla AAS3 di erogare, non appena terminate le preliminari operazioni di formazione, prestazioni 10 ore al giorno, dal lunedì al venerdì, invece delle precedenti 6 ore, con un numero di esami previsto pari a circa 5000 esami/anno rispetto ai precedenti 3000 esami/anno. Numeri destinati a raddoppiare non appena sarà completata l’installazione della seconda Risonanza Magnetica nell’Ospedale di San Daniele.

Commenta con Facebook