Nuove infiltrazioni d’acqua all’ospedale di Gemona

Ancora una volta secchi, stracci e cartelli di avviso hanno fatto la loro comparsa tra le corsie e i reparti dell’Ospedale di Gemona del Friuli.


Le foto circolano da questo pomeriggio, a seguito delle precipitazioni che si sono abbattute su tutta la pedemontana.

Era già capitato nei mesi scorsi, a luglio in particolare, a denunciarli il consigliere comunale gemonese Andrea Palese; seguì replica della direzione aziendale che annunciava interventi e finanziamenti ad hoc.

Ma i problemi si stanno ripresentando, con gli operatori del nosocomio costretti a trovare delle misure provvisorie per contenere l’acqua piovana e lo stesso Palese si è sfogato con un nuovo post su Facebook, attraverso il quale torna ad attaccare: “Non sono arrabbiato, ma incazzato.  Questa è la Sanità in Alto Friuli
Grazie alla Riforma Serracchiani/Telesca l’Ospedale di Gemona, uno dei pochi antisismici della Regione, è stato annientato e riconvertito in poliambulatorio. Ormai anche la manutenzione degli immobili non si fa più e anche gli interventi ordinari programmati anni fa stentano ad essere realizzati per una chiara volontà politica di penalizzare la nostra città. La vista dei secchi per raccogliere l’acqua quando piove ormai è diventata una cosa normale.
Mi vergogno della mia friulanita’ e di essere governato da questi arroganti irresponsabili che giocano sulla pelle delle persone.
Una Riforma che ha fatto precipitare la nostra Sanità al penultimo posto nelle classifiche nazionali, aumentando i costi e per la prima volta in Alto Friuli facendo registrare perdite a bilancio per quasi 9 milioni di euro”. 

Commenta con Facebook

3 pensieri riguardo “Nuove infiltrazioni d’acqua all’ospedale di Gemona

  • 10 Gennaio 2018 in 9:58
    Permalink

    Il consigliere comunale Palese è sempre molto attento a mettere in luce quello che non fanno gli altri, ma molto meno a guardare ai doveri istituzionali suoi e della sua maggioranza (se è ancora tale visto lo spappolamento a cui stiamo assitendo). E’ anche un po’ a corto di memoria il nostro consigliere. I problemi delle infiltrazioni all’ospedale di Gemona persistono da anni, ben prima della riforma, e mi sembra che l’azienda sanitaria stia intervenendo con cospiqui finanziamenti (ma non era il più solido, moderno ed efficiente ospedale del Nord-Est…?). Infine, come mai l’assessore Palese non dice nulla della fatiscenza delle scuole materne di Gemona (quella di Campo Lessi è una vecchia baracca del post terremoto), o degli allagamenti della piscina (non è una struttura comunale?), o del centro diurno per anziani, o del parco di via Dante (da anni senza un gestore a causa degli errori del Comune)? E mi fermo qui. Va bene che è cominciata la campagna elettorale, ma ci vorrebbe un po’ di decenza…

    • 11 Gennaio 2018 in 6:30
      Permalink

      a me che mi curino a gemona o a san daniele o a tolmezzo non cambia.basta che mi curino bene.invece a gemona voglio avere servizi che aiutino gli anziani non autosufficienti a casa.di queste cose Urbani e i suoi non dicono mai niente,vedi il centro diurno spostato a Venzone.

  • 10 Gennaio 2018 in 22:12
    Permalink

    Tipica struttura anni ’70 post terremoto ,te le raccomando….copertura nata male e da rifare,meglio ripensare e rifare. Una miriade di converse che dovrebbero proteggere terrazze piane. Delirante e antieconomico. Poi soprassediamo sulla qualità della ricostruzione. Infine si continua con il mantra dell’ospedale antisismico non sapendo quante volte è stata modificata la normativa da quando è stato costruito. I Gemonesi hanno due ospedali a 20 min di auto ma per farsopravvivere un ospedale sbagliato hanno fatto di tutto,anche portare la sede dell’ A.A.S. a Gemona. Palese….va in biciclete e sta cidin ca le mioor

I commenti sono chiusi.