Cicche, gomme e rifiuti per strada, da martedì scattano le multe

Entrerà in vigore martedì 2 febbraio prossimo una norma che prevede, fra le altre cose, il divieto di  abbandono di mozziconi di sigarette sul suolo, nelle acque e negli scarichi.
Il Parlamento ha infatti approvato il 28 dicembre scorso la legge n. 221 recante nuove “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” che interviene in molti ambiti, dalla mobilità sostenibile ai rifiuti, con norme che interessano efficienza energetica e rinnovabili.
Diverse misure interessano la gestione dei rifiuti, come la penalizzazione del conferimento in discarica, l’incentivazione della raccolta differenziata, la promozione della riduzione dei rifiuti non riciclati, del compostaggio domestico e di comunità (ospedali, mense, quartieri, ecc) e, con specifica norma, viene introdotto il divieto di gettare, in strada, mozziconi di sigaretta, gomme da masticare e altri piccoli rifiuti, come fazzoletti e scontrini.

Per tutti i cittadini quindi “È vietato l’abbandono di mozziconi dei prodotti da fumo sul suolo, nelle acque e negli scarichi” e i comuni dovranno provvedere, come da anni ha già fatto nel centro storico il Comune di Tolmezzo, a installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale, appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo.

È quanto stabilisce il nuovo articolo 232-bis del Codice dell’Ambiente (D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152), mentre il successivo articolo 232-ter vieta “l’abbandono – sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi – di rifiuti di piccolissime dimensioni, quali anche scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare”  per preservare il decoro dei centri abitati e limitare gli impatti negativi che derivano dalla dispersione incontrollata nell’ambiente di tali rifiuti.

Pertanto, chi butterà d’ora in poi a terra gomme da masticare, scontrini, fazzoletti di carta rischierà di pagare una multa dai 30 ai 150 euro, sanzione che si raddoppia nel caso si tratti di un mozzicone di sigaretta.