Migranti, stato di preallerta in Fvg per l’intenso flusso durante l’emergenza Covid-19

Il vicegovernatore della Regione Riccardo Riccardi, in qualità di assessore delegato alla Protezione civile regionale, d’intesa con il governatore Massimiliano Fedriga (assieme nella foto), ha firmato ieri lo stato di preallerta sul territorio del Friuli Venezia Giulia in vista di un rischio emergenza al fine di fronteggiare l’eccezionale afflusso di migranti nel territorio regionale durante lo stato di emergenza da Covid-19.

Come si legge nel decreto, l’adozione dello stato di preallarme, scattato ieri, risulta indifferibile in considerazione del fatto che da oltre una settimana il Friuli Venezia Giulia è interessato da un intenso flusso di migranti provenienti da Pakistan, Afghanistan, Bangladesh e Sri-Lanka e altri Paesi extra-Schengen.

Il provvedimento fa riferimento alla legge regionale 64 del 1986, in base alla quale l’Amministrazione regionale assume a propria rilevante funzione quella del coordinamento di tutte le misure organizzative e di tutte le azioni nei loro aspetti conoscitivi, normativi e gestionali, dirette a garantire l’incolumità delle persone, dei beni e dell’ambiente rispetto all’insorgere di qualsivoglia situazione o evento che comporti agli stessi grave danno o pericolo.

“E’ da tempo che lo dico e voglio ribadirlo con chiarezza: la situazione è ingestibile – dice Fedriga -. Chiediamo al Governo di intervenire con decisione bloccando immediatamente l’ingresso di immigrati irregolari”.

Il #FriuliVeneziaGiulia non è disposto ad accogliere altri immigrati irregolari. Spero di essere stato chiaro.

Posted by Massimiliano Fedriga on Wednesday, 22 July 2020

Commenta con Facebook