“Le otto stagioni” al Rifugio Giaf con il duo Comisso-Piovesan

Ascoltare le sonorità delle Quattro stagioni di Antonio Vivaldi sotto le crode turrite delle Dolomiti Friulane, nella gradevole luce del pomeriggio che avvolge il Rifugio Giaf, raggiungibile in meno di un’ora di cammino da Forni di Sopra.
Una bella occasione che offre Assorifugi con il secondo appuntamento di Note in Rifugio.
Domenica 9 luglio dalle ore 15 sarà possibile ascoltare il concerto del duo Comisso – Piovesan intitolato Le otto stagioni. Otto perché il concerto vedrà una duplice realizzazione, accostando al capolavoro storico vivaldiano Las quatro estaciones porteñas di Astor Piazzolla, ovvero la trascrizione per fisarmonica di uno dei più grandi innovatori di questo strumento. Virtuosi veneziani, Francesco Comisso (violino) e Luca Piovesan (fisarmonica) hanno deciso di collaborare dopo essersi ascoltati per mesi dalle rispettive finestre. I loro strumenti, solitamente solisti, si accompagnano a vicenda tra il barocco e il tango, amalgamandosi o rincorrendosi in un gioco che mette a confronto l’opera vivaldiana e la versione tanguera di Piazzolla con esiti sorprendenti e freschi.

Nella stessa giornata si tiene nei rifugi convenzionati la Giornata di Libera Terra, l’appuntamento che consente di gustare i prodotti frutto dei terreni confiscati. In collaborazione con Bottega del Mondo e Libera Terra. Una alleanza tra il luogo evocatore di libertà per eccellenza – la montagna – e chi lavora su luoghi a lungo privi di libertà, quelli confiscati alla mafia.

Libera Terra è la rete fondata da Don Luigi Ciotti che riunisce le cooperative produttrici di alimenti biologici sulle terre sottratte alle mafie in Sicilia, Puglia, Calabria e Campania. Nei menu dei rifugi si potranno degustare i prodotti di Libera, come pasta e conserve. Un’occasione per sostenere concretamente l’attività di chi porta speranza e legalità. Gli obiettivi di Libera Terra sono quelli di stimolare la nascita di un circuito di economia legale nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente, che permetta di restituire valore alle terre sottratte ai mafiosi e di rafforzare il mercato legale del lavoro in queste aree. L’iniziativa è appoggiata da Libera, dal Consorzio Ctm Altromercato, dal Coordinamento Nazionale Rifugi e dalla Bottega del Mondo, punto di riferimento del commercio equo e solidale nella provincia di Udine.

La partecipazione ai concerti e agli incontri è gratuita. In caso di maltempo gli appuntamenti si terranno all’interno del rifugio.