La rivoluzione digitale di Radio Studio Nord

Il 2020 per Radio Studio Nord è un anno di rivoluzione digitale. Lo abbiamo annunciato al termine del 2019, anno che per l’emittente è stato straordinario come mai prima, in tutti i sensi: 145 eventi realizzati in tutto l’Alto Friuli hanno coinvolto realtà più e meno nascoste di un territorio che, con l’informazione, raccontiamo ogni giorno.
Il raggiungimento un paio di settimane fa di 10.000 “Mi piace” sulla pagina Facebook di Studio Nord News parte da lontano, esattamente dal 2015 quando è nato questo sito, vero e proprio punto di riferimento dell’informazione locale, costantemente aggiornato e visitato nel 2019 per 4 milioni di pagine.
La rivoluzione digitale della radio parte invece da novembre 2019, con l’aggiornamento del servizio di streaming (ovvero il sistema di trasmissione dei dati audio per l’ascolto dal web), che ora include una serie di metadati (ovvero dati audio, testo, immagine ed altro) in grado di fornire diversi servizi.
Uno di questi è la statistica dei minuti di ascolto: a dicembre 2019 (primo mese intero dopo l’aggiornamento dello streaming) Radio Studio Nord è stata ascoltata via web per 610.000 minuti, nel mese di gennaio 2020 per 747.000. Dati, questi, che oltre a riempirci di orgoglio nello scoprire quanto pubblico ci segua dal web da ogni parte del mondo (132 paesi), ci hanno indotto a curare sempre di più le piattaforme che generano questi dati d’ascolto, ovvero il sito www.rsn.it e l’app disponibile per Android e IOS.
Ecco, quindi, l’aggiornamento appena arrivato: da ora la nuova app permette di ascoltare Radio Studio Nord con un click, visualizzare le copertine delle canzoni in onda leggendo anche titolo ed autore, personalizzare le foto delle notizie proposte in quel momento, delle trasmissioni in studio, delle dirette esterne e delle pubblicità.
Le copertine delle canzoni sono estratte direttamente dall’archivio della radio; inizialmente ci eravamo affidati a servizi online, ma la precisione non era totale, così abbiamo deciso di passarle una ad una. Esse illustrano i singoli vinili, CD o album che contenevano la canzone.
Un capitolo a parte lo meritano le Web Radio tematiche (Rock, Anni ’80 e Anni ’90): pubblicate a mezzanotte del 1° gennaio 2020, hanno ascolti e quindi statistiche di stream a parte, e sono ascoltabili solo dal web, sul sito www.rsn.it e dall’app. Anche qui, come per Studio Nord, ci sono le copertine dei dischi e attualmente stiamo completando l’inserimento. Ogni Web Radio ha un processore audio digitale dedicato, per rendere omogenea la qualità audio della musica registrata in anni diversi e da supporti fisici diversi.
Ma non è tutto: nei prossimi mesi installeremo una serie di apparecchiature digitali di ultimissima generazione che porteranno il segnale dal Pc di regia al mixer, da qui al nuovo RDS (ovvero il sistema che permette di leggere sulle autoradio il nome dell’emittente e che mostrerà, quindi, anche i dati di testo per ogni evento in onda) e infine ai ripetitori installati sulle 5 frequenze. Tutto in digitale, come i network nazionali.
Il nuovo sistema permetterà di eliminare o ridurre al minimo anche gli “scalini” nei cambi di frequenza delle autoradio (che tutte le radio in FM hanno) e che dipende dalla congestione della rete internet in quel momento.
Sintetizzando, l’abbiamo chiamata “rivoluzione digitale” perché tale è: un cambio generazionale di attrezzature, trasmissione e visualizzazione della messa in onda che si completerà con l’aggiornamento degli studi della diretta e la realizzazione di un terzo studio, dedicato interamente alle Web Radio e alla produzione audio.
Un ultimo cenno lo riserviamo alla “Smart TV”, ovvero la possibilità di essere presenti sulle TV di ultima generazione connesse ad internet; di questo scriveremo presto, ci stiamo lavorando.
Radio Studio Nord, in conclusione, è sempre più smart. Nella versione online dell’Oxford Dictionary viene spiegato che smart è un aggettivo con diversi significati, tra cui “(informal) having or showing a quick-witted intelligence”, ovvero qualcuno o qualcosa (ad esempio un dispositivo tecnologico) che mostra un’intelligenza viva, con una curva d’apprendimento rapida ed una pronta risposta agli stimoli esterni.

La “Giornata Mondiale della Radio”, che cade proprio oggi, è l’occasione ideale per dimostrare nuovamente quanto uno strumento come la radio sia sempre vivo e vitale, oltre che in costante evoluzione. E Radio Studio Nord quotidianamente lo conferma.

CRISTIAN COMELLI
Direttore Artistico Radio Studio Nord

Commenta con Facebook