La Latteria turnaria di Campolessi protagonista al Trento Film Festival

L’Ecomuseo delle Acque del Gemonese e l’Ecomuseo della Val di Peio, oltre a contribuire attivamente alla discussione e al confronto nell’ambito della Rete italiana degli ecomusei, hanno un’altra cosa in comune: sui loro territori opera una latteria turnaria. In Friuli la Latteria turnaria di Campolessi, in Trentino il Caseificio turnario di Peio. Si tratta di due filiere locali, tenaci e degne di nota perché producono formaggi (il Latteria e il Casolèt) che Slow Food ha fatto rientrare nella cerchia ambita dei Presìdi, prodotti d’eccellenza rappresentativi di comunità e territori esclusivi. Gli ecomusei di Gemona e Peio non solo sostengono le due realtà casearie, ma hanno voluto documentarle e raccontarle affidandosi a uno dei maggiori documentaristi italiani, Michele Trentini. È nato così il film “Latte nostro”, che dopo l’anteprima a Terra Madre-Salone del Gusto 2018, verrà presentato il 27 aprile e il 1° maggio al Trento Film Festival nella Sezione “Orizzonti Vicini” (in attesa che venga proiettato a Gemona al Festival “Sguardi sui territori”, in programma dal 30 agosto al 1° settembre).

Le latterie turnarie rappresentano una delle più antiche forme di cooperazione agro-alimentare in Italia. Questo sistema, abbandonato progressivamente con la diffusione dei grandi allevamenti e delle industrie, si dimostra particolarmente adatto alle esigenze dei piccoli allevatori che ancora oggi lo adottano. Nei caseifici di Campolessi e Peio l’insieme dei prodotti lavorati in un giorno viene assegnato a turno a uno dei soci allevatori, con una frequenza proporzionale alla quantità di latte conferita. Il film mette in primo piano animali, allevatori, pastori e casari che contribuiscono alla realizzazione di due straordinari formaggi a latte crudo, il Formaggio di Turnaria e il Casolèt, Presìdi Slow Food promossi e valorizzati dall’Ecomuseo delle Acque e dall’Ecomuseo della Val di Peio.

Commenta con Facebook