Incendi dolosi, il sindaco di Lauco chiede di individuare al più presto i colpevoli

In questi ultimi mesi alcune zone del territorio comunale di Lauco e di aree confinanti site nei comuni di Tolmezzo e Zuglio, sono state interessate da incendi dolosi, con grave danno all’ambiente e notevole dispiegamento di risorse umane e di mezzi impiegati negli spegnimenti.

Il sindaco di Lauco Olivo Dionisio condanna con fermezza gli autori, ancora non individuati, e sottolinea i notevoli danni che tali gesti causano ai pascoli ed ai boschi, rimarcando gli effetti che queste azioni hanno sull’utilizzo dei terreni percorsi dal fuoco.

“La Legge quadro in materia di incendi boschivi impone infatti dei vincoli importanti e di lungo periodo sull’uso delle aree interessate, limitandone l’impiego non solo per la costruzione di fabbricati ma anche per la pratica della pastorizia e della caccia – dice Dionisio -. Soprattutto questi ultimi due aspetti mi sono stati segnalati dagli agricoltori ed allevatori locali, nonché dal Direttore della Riserva di Caccia di Lauco, Ivan Piazza. I vincoli ed i limiti imposti dalla normativa sono infatti particolarmente negativi, in quanto incidono su due realtà, una economica e l’altra ludica, molto praticate ed importanti per la nostra realtà locale. Questi atti causano danni a tutta la Comunità – conclude il primo cittadino di Lauco – e mi auguro pertanto che le autorità competenti individuino al più presto i colpevoli”.

Commenta con Facebook