Graz-Del Fabbro, è doppietta tricolore nello sci di fondo. Podi anche per Di Centa, Gartner e Pittin

Un oro e tre argenti. La stagione del fondo si conclude con l’ennesima grande giornata per la FISI FVG, che in due importanti categorie piazza due suoi rappresentati sul podio.

Andrea Gartner secondo

Oggi a Campo Carlo Magno (Tn) era in programma la mass start a tecnica classica e negli Under 20 c’è stato il trionfo di Davide Graz, che al termine della 30 km ha preceduto di 1’20” il campione del mondo della specialità Luca Del Fabbro, all’ultima gara da Juniores e, di conseguenza, per l’ultima volta rappresentante del Comitato FISI FVG (ma ovviamente lo resterà per sempre, anche se non formalmente!).
Oltre 3’21” il vantaggio di Graz sul terzo, il bellunese Leonardo De Biasi.

Negli Under 18 ha vinto il veneto Pietro Pomari e alle sue spalle si è piazzato Andrea Gartner del Bachmann secondo (ed è un primo anno nella categoria);  sfortunato il paluzzano del Gs Fiamme Gialle Luca Sclisizzo quarto al fotofinish. Quinto Luca Kerer del Bachmann.

Il quinto podio è arrivato nelle Under 20 con Martina Di Centa, seconda a 8″9 da Emilie Jeantet.

Martina Di Centa argento

Insomma, grande soddisfazione per la coordinatrice FISI FVG Lorella Baron, per il direttore tecnico Francesco Silverio, per gli allenatori Nicola Selenati (responsabile) e Andrea Del Fabbro.

A completare la bella giornata l’argento Under 23 di Cristina Pittin, preceduta solo da Anna Comarella, anche vincitrice della prova assoluta davanti a Elisa Brocard e Sara Pellegrini (la Pittin ha chiuso quinta).

Da segnalare nella 50 km maschile il decimo posto assoluto e quinto Under 23 di Martin Coradazzi; titolo a Francesco De Fabiani davanti a Giandomenico Salvadori e Dietmar Noeckler, mentre nelle Under 18 Karin Puntel dell’Aldo Moro ha chiuso decima.

Nella prova di Coppa Italia Under 16, quinto Gabriele Monteleone del Bachmann e sesto Edoardo Buzzi dei Camosci, mentre nel settore femminile settima Astrid Plösch del Weissenfels e decima Aurora Morassi della Timaucleulis.

Commenta con Facebook