Gli studenti gemonesi si cimentano nel tiro con l’arco

Da qualche settimana, dietro la palestra dell’Istituto Magrini-Marchetti di Gemona, si possono vedere esposti i paglioni con tanto di bersagli colorati da raggiungere con le frecce. Infatti, in questo periodo, gli studenti della classe 4E del liceo sportivo hanno vestito i panni di Guglielmo Tell o del più noto Robin Hood.
Sotto la esperta guida di Paolo Sanna e Daniele Ferracin, rispettivamente presidente e segretario regionale di FiTArco, oltre che tecnici qualificati nel tiro con l’arco, i ragazzi e le ragazze della 4ELis,  armati di archi e frecce, si misurano a distanze diverse per centrare i bersagli. Tutto questo avviene dopo aver approfondito in classe la qualità dei materiali, la velocità delle frecce, il calcolo delle traiettorie e dell’energia sprigionata dall’arco, i regolamenti, lo sviluppo della preparazione fisica e mentale e delle tecniche specifiche.
Tutti gli studenti concordano nell’affermare che la pratica è meno facile del previsto, ma anche che l’esperienza è davvero interessante e piacevole.
Per rendere più completa l’esperienza didattica, lunedì scorso sono stati ospiti della classe e dell’Istituto i nazionali Viviano Mior (arco compound) e Letizia Visintini (arco olimpico).