Gli studenti dell’Isis Linussio-Paschini di Tolmezzo diventano ciceroni

Nelle ultime settimane di scuola prima delle festività natalizie, gli studenti dei Licei Scientifico e delle Scienze Umane dell’Isis “Paschini-Linussio” di Tolmezzo hanno messo in campo le proprie doti di ciceroni, guidando gli alunni delle scuole primarie tolmezzine nella visita alla mostra “Presenze Silenziose”.

Allestita dal Cai, in collaborazione con i Parchi delle Prealpi Giulie e delle Dolomiti friulane, l’esposizione di Palazzo Frisacco tratta il tema dei grandi carnivori presenti sul territorio regionale, del loro ruolo ecologico e delle ragioni del loro ritorno.

Il progetto scolastico ha preso le mosse da un incontro con il professor Stefano Filacorda dell’Università friulana, nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro riservato alle classi terze del Liceo Scientifico. Gli studenti, che si sono dimostrati interessati ad approfondire la tematica,  si sono proposti anche come guide per gli allievi più piccoli. La preparazione, insieme all’insegnante-tutor Laura Della Mea, è stata perfezionata attraverso un proficuo confronto con le studentesse della classe quinta del Liceo delle Scienze Umane, le quali hanno fornito indicazioni su come rapportarsi ad un gruppo e hanno predisposto alcune schede didattiche tematiche.

Le visite guidate, coordinate dall’insegnante Margherita Solari in accordo con il presidente del Cai tolmezzino Alessandro Benzoni, si sono svolte al pomeriggio, coinvolgendo oltre 150 bambini che frequentano le Scuole primarie “Turoldo” e “Adami”.

«Si è trattato di un’esperienza molto importante per gli studenti dei nostri Licei –
spiegano Solari e Della Mea –, poiché sono riusciti a mettere a frutto le proprie competenze comunicative in un settore complesso, quale quello della divulgazione scientifica. Ed è stato molto significativo per loro in quanto hanno potuto cogliere quanto gratificante risulti uno studio non fine a se stesso, ma finalizzato ad uno scopo preciso e diverso dalla solita interrogazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *