Gemona, a “Tempus est Jocundum” tornano i fuochi dal campanile del Duomo

La notizia è di quelle importanti per i tanti appassionati di “Tempus est Jocundum”, le serate medievali di Via Bini che si tengono in estate a Gemona: la pro loco Pro Glemona ufficializza infatti il ritorno dei fuochi dal campanile del Duomo, lo spettacolo più amato dal pubblico che a ogni edizione affolla le vie del centro di Gemona del Friuli per godersi un viaggio di sette secoli all’indietro nel tempo.

“Per me – dice il neoeletto presidente dell’associazione, Onorino Pividori rappresenta davvero una grande gioia il fatto di poter annunciare il ripristino di questa tradizione, dopo lo stop di un anno dovuto ai lavori che hanno riguardato la facciata del nostro amato Duomo. I fuochi dal campanile sono una delle principali attrazioni delle serate medievali e per il gruppo della Pro Glemona che si occupa dell’organizzazione di Tempus non era stato facile rinunciarvi, anche se per una sola edizione”.

Quest’anno “Tempus est Jocundum” è in programma da giovedì 1° a lunedì 5 agosto e sarà ancora una volta animato da decine e decine di attori e figuranti in costume d’epoca, dove però il pubblico non farà da semplice spettatore ma verrà direttamente coinvolto in un contesto per certi versi goliardico. Cavalieri e dame, imbonitori e fattucchiere, accattoni e gendarmi sono solo alcune delle tipologie di personaggi che popoleranno via Bini e le stradine adiacenti. Non mancheranno il Palio del Niederlech in piazza del Ferro, la disfida a Dama con pedine viventi e la solenne proclamazione della Dama Castellana nel piazzale del Duomo, oltre a tante altre iniziative che verranno rese note a tempo – anzi, “tempus” – debito.