Fagagna, conclusi i progetti del Bando Istruzione a favore dell’Istituto Comprensivo

Anche per l’anno scolastico che si avvia ormai a conclusione, l’Istituto Comprensivo di Fagagna ha potuto beneficiare del sostegno della Fondazione Friuli, che ha cofinanziato due progetti volti ad arricchire le dotazioni tecnologiche e sportive delle scuole.

Il progetto “Tecnologie al servizio delle competenze II”, cofinanziato anche con un contributo del Comitato dei genitori, ha consentito il rinnovo della dotazione di iPad della Scuola Primaria di Fagagna, nonché dei computer destinati all’Atelier di Robotica e Coding, un ambiente in cui i bambini ed i ragazzi vengono coinvolti in attività pratiche di elaborazione creativa a contatto con le tecnologie più attuali. Purtroppo per questo anno scolastico questo spazio non è stato utilizzabile a causa dei lavori strutturali che hanno coinvolto anche la palestra.

Attività di robotica

Nell’attesa della conclusione dei lavori, prevista per l’inizio del prossimo anno scolastico, le attività digitali non si sono di certo fermate. In particolare, si stanno concludendo in questi giorni i corsi di robotica finanziati grazie ai fondi del PON 9707/2021 “Per la scuola, Competenze e ambienti per l’apprendimento” che hanno coinvolto un gruppo di ragazzi e ragazze della Scuola Secondaria di I grado e un gruppo di bambini delle Scuole Primarie dell’Istituto. Gli studenti hanno potuto sperimentare con grande entusiasmo attività di coding e robotica in un percorso che si è svolto nei pomeriggi del venerdì a partire da fine novembre.

L’altro progetto, “Strutturalmente (attraverso il corpo)”, ha consentito l’acquisto delle attrezzature sportive destinate alle Scuole dell’Infanzia di Ciconicco e Silvella, e in particolare grandi cuscini per la propriocettività e il movimento grosso motorio. Lo “spazio corpo” è il primo spazio di sperimentazione e di esperienza dell’individuo, in un tempo in cui l’individuo abita spazi sempre più piccoli e utilizza come strumenti spazi e intrattenimenti digitali. La scuola mantiene il suo ruolo centrale di luogo di relazione e di esperienza. L’obiettivo primario è poter sperimentare in sicurezza con attrezzi adatti all’età e conformi alle necessità.