Esce di strada lungo la provinciale di Paularo, salvato dall’amico

Un uomo di 43 anni è uscito di strada ma è stato salvato da un amico e compaesano di Paularo cha lo ha visto perdere il controllo del suo fuoristrada e finire cappottato, perché con la sua auto in quel momento si trovava in coda e ha assisto all’incidente.

È successo nel primissimo pomeriggio di oggi, sabato 8 ottobre, sulla strada provinciale 23 che dal capoluogo carnico di Tolmezzo porta al comune di Paularo. Erano da poco passato mezzogiorno quando la vittima della fuoriuscita autonoma, un uomo di 43 anni, G.F. le sue iniziali, originario di Paularo ma residente da qualche anno a Verzegnis, sempre in Carnia, ha perso il controllo del suo fuoristrada, un Mitsubishi Pajero. Il suv si è cappottato e l’uomo è finito schiacciato, con il tronco imprigionato dalle lamiere contorte. Il compaesano Emanuele Screm non ha avuto esitazioni di alcun tipo: è sceso dalla sua vettura, ha chiamato il 118 e il 115, e ha dato coraggio all’amico, che era con la testa in giù e con le braccia che sporgevano dal finestrino dal lato di guida, impossibilitato a muoversi. Il 43enne era cosciente ma molto spaventato e sofferente.

Sul posto è immediatamente giunto l’elicottero del 118, decollato dalla Centrale operativa di Udine, insieme all’equipe medica dell’ambulanza. Sulla strada provinciale 23, oltre alla Polizia Stradale, anche i Vigili del fuoco, che hanno liberato il 43enne dall’abitacolo del fuoristrada. Le sue condizioni, che inizialmente parevano critiche, si sono poi rivelate per fortuna meno gravi, anche per il tempestivo allarme dato da Screm. Estratto dai pompieri dal suv, il ferito è stato portato in ospedale in ambulanza; non sarebbe in pericolo di vita.

«Un grazie a tutte le forze dell’ordine e di soccorso che sono intervenute – dice l’ex sindaco di Paularo Ottorino Faleschini -. E grazie al nostro compaesano Emanuele, che ha agito con grande velocità e senso civico. Oggi è il nostro eroe». Il 43enne stava andando a trovare l’anziano padre che vive a Paularo.

Commenta con Facebook