Da Enemonzo no alla fusione con Villa, Raveo e Lauco

Il consiglio comunale di Enemonzo, nel corso della seduta del 15 marzo scorso, ha deliberato di esprimere “parere negativo sul progetto specifico di fusione dei Comuni di Enemonzo, Lauco, Raveo e Villa Santina, approvato in via preliminare dalla Giunta Regionale con delib. n. 2603 del 29 dicembre 2015″; nel dispositivo votato all’unanimità dall’aula si è ribadito poi, “a sostegno di tale decisione, il contenuto del documento trasmesso ai Sindaci dell’Associazione Intercomunale “Parco delle Colline Carniche” il 02.07.2015, prot. n. 8204”, che è stato quindi allegato alla delibera.

Questo il link per scaricare il documento: Allegato1

Tra le motivazioni citate dalla delibera si legge che: “l’obbiettivo, sin dall’inizio del mandato amministrativo in corso, era il “consolidamento dei servizi” – espletato in forma associata, sotto la guida di un Segretario Comunale unico – e non la “Fusione” con i Comuni di Lauco, Raveo e Villa Santina; il 15.04.2016 partirà il processo di costituzione dell’UTI della Carnia” e quindi il consiglio ritiene “non sia opportuno avviare due percorsi paralleli – cioè “Fusione” con i Comuni di Lauco, Raveo e Villa Santina e costituzione dell’UTI della Carnia”.

 

Commenta con Facebook

One thought on “Da Enemonzo no alla fusione con Villa, Raveo e Lauco

  • 29 Marzo 2016 in 15:27
    Permalink

    Purtroppo no comment. Mi sento sempre più depresso.

I commenti sono chiusi.