Elisoccorso in azione nelle Dolomiti Friulane per un’escursionista infortunata

La stazione Valcellina del Soccorso alpino e speleologico e l’elisoccorso regionale sono stati attivati dalla Sala operativa regionale per le emergenze sanitarie nelle Dolomiti Friulane, per una escursionista di nazionalità danese che si è infortunata.
La chiamata al Nue112 è arrivata dopo le 18.00 da Caseruta dei Pecoli, all’incrocio dei sentieri 359 e 361, intorno ai 1300 metri, fra Cimolais e Forni di Sopra: è nei pressi della casera che la donna si è procurata una probabile frattura alla caviglia. Considerato l’imminente arrivo di un temporale, si è deciso di inviare sul posto l’elisoccorso regionale, dal momento che le squadre di terra avrebbero impiegato una quarantina di minuti a piedi per raggiungere la casera partendo dal Rifugio Pordenone e i tempi sarebbero raddoppiati al rientro con la barella.
Le squadre di terra si sono comunque portate al rifugio per essere a disposizione in caso di necessità.
L’elisoccorso ha sbarcato in hovering l’equipaggio tecnico-medico sotto una pioggia battente, la donna è stata stabilizzata e poi caricata a bordo con il verricello per essere condotta all’ospedale di Pordenone.
All’arrivo dell’elisoccorso la donna infortunata aveva già ricevuto una prima assistenza dal gestore del Rifugio Pordenone, che fa anche parte del Soccorso Alpino del Veneto, partito subito dal Rifugio.