Doppio intervento per il Soccorso Alpino Fvg

Il Soccorso Alpino e Speleologico del Friuli Venezia Giulia è stato impegnato questo pomeriggio in due interventi di soccorso con le stazioni Valcellina e Maniago.

La prima chiamata è arrivata alla stazione Valcellina intorno alle 14.30. La richiesta di soccorso giungeva dal Bivacco Perugini, sotto il Campanile di Val Montanaia, dove un escursionista aveva subito un forte trauma toracico a causa di una caduta sulle ghiaie sottostanti. A risolvere l’intervento è stato l’elisoccorso che ha provveduto a verricellare sul posto il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino con il medico, stabilizzando la persona sul posto e portandola in ospedale a Pordenone. A Cimolais erano pronte a partire le squadre di terra del Soccorso Alpino e i Vigili del Fuoco per dare eventuale supporto sul posto. L’intervento si è chiuso poco dopo le 16.
Proprio intorno alle 16.30 c’è stata un’altra richiesta di soccorso sul Monte Ciaurlec, sopra Travesio. La richiesta proveniva da un parapendista cinquantaduenne di Pinzano al Tagliamento, iniziali A. A. il quale, mentre si stava recando lungo il sentiero di avvicinamento al punto dal quale si sarebbe dovuto lanciare, ha avuto un malore. Sul posto sono giunti sia i tecnici del Soccorso Alpino sia i Vigili del Fuoco, percorrendo itinerari diversi. I tecnici del Soccorso Alpino sono riusciti ad avvicinarsi lungo una pista forestale molto dissestata con il mezzo fuoristrada. L’uomo aveva forti giramenti di testa e non riusciva a rimanere in piedi e si è pertanto deciso di chiedere l’intervento dell’elisoccorso, anche perché l’autoambulanza, giunta anch’essa sotto il monte, non riusciva a raggiungere il luogo in cui si trovava l’uomo per rilevarne i parametri a causa della strada dissestata. L’uomo è dunque stato prelevato dall’elisoccorso con una verricellata dopo essere stato visitato dall’equipe medica di bordo e, valutati non gravemente i suoi parametri, affidato all’autoambulanza.
(le immagini si riferiscono all’intervento sul monte Ciaurlec)
Commenta con Facebook