Decima ristampa per il volume “Par un pêl” di Riedo Puppo

Si è svolta sabato scorso, presso il Castello di Colloredo di Monte Albano, la presentazione della decima ristampa del volume “Par un pel” di Riedo Puppo, annunciata nel precedente appuntamento tenutosi il 5 maggio a Moruzzo. 

E’ proprio con il ricordo dello scrittore originario di Ceresetto di Martignacco che si è aperta la Settimana della Cultura Friulana 2022, nel ventennale della sua scomparsa.

Scrittore, giornalista, autore di teatro e di prosa, Puppo scrisse, sempre rigorosamente in friulano, consapevole della sua identità, innamorato della sua lingua, identificato con la semplicità della vita contadina.

Tra le tante pubblicazioni, diventate in Friuli amatissimi bestseller, spicca proprio il suo capolavoro “Par un pel”, una raccolta di 34 brevi scritti di forte ispirazione e di notevole cura, che non trova riscontri nella storia della letteratura in lingua friulana, di cui rappresenta il maggior successo in assoluto con oltre 30 mila copie vendute in numerose edizioni, cifra mai raggiunta da altre opere di casa nostra.

Il volume è stato pubblicato in coedizione tra la Società Filologica Friulana e il Comune di Moruzzo con il sostegno della Comunità Collinare del Friuli e di Primacassa.

La serata ospitata dal Castello di Colloredo di Monte Albano ha visto la partecipazione del Professor Angelo Floramo e del Centro Culturale Amici della Musica di Villalta di Fagagna che insieme hanno dato voce ai testi di Puppo.

“Le nostre tradizioni, la nostra storia, le nostre radici, la madrelingua sono valori che non possiamo abbandonare – ha detto il Presidente della Comunità Collinare del Friuli, Luigino Bottoni –. E’ nostro dovere, perché amministratori ma soprattutto perché friulani valorizzarli e tramandarli alle giovani generazioni”.