Dal canale Ledra a Gemona riemergono sei residuati bellici

Ben sei ordigni bellici sono “emersi” ieri, mercoledì 20 gennaio, dal canale Ledra, nella frazione di Taboga, a Gemona del Friuli: a segnalarli un addetto del Consorzio di bonifica che ha dato l’allarme. Si tratta di residuati inesplosi tra cui un proietto da artiglieria lungo 70 centimetri, del diametro di 20, di un proiettile da mortaio e altri 4 proietti da mortaio di lunghi 20 centimetri ciascuno. L’area è stata isolata in attesa dell’arrivo degli artificieri.

Altro rinvenimento, segnalato questa volta da un escursionista, a Cividale del Friuli: l’uomo stava camminando nel bosco quando ha trovato, lungo un sentiero, una bomba da mortaio dell’Esercito Italiano di 80 centimetri, in buono stato di conservazione e quindi potenzialmente pericolosa. In questo caso si tratterebbe di un residuato bellico utilizzato per le esercitazioni dei soldati.