Da Tarvisio l’appello di Rebecca: «Una sedia a rotelle nuova per poter continuare a muovermi»

Si chiama Rebecca Azzini, ha 27 anni, ed è affetta da una malattia rara, un disturbo funzionale che intacca l’apparato motorio ancora in fase di ricerca e per il quale al momento non esiste una cura.
I primi problemi si verificano nel 2011 e si accentuano fino a costringerla alla sedia a rotelle. Ora però stanno iniziando i problemi anche alle braccia.
Di qui un accorato appello che lei stessa ha lanciato, anticipato dal messaggio “La disabilità non deve escluderti dal mondo”.

“Sono la ragazza che forse avrai incontrato a Tarvisio o in ciclabile in carrozzina – scrive Rebecca, residente a Udine ma domiciliata nella località della Valcanale, promettente calciatrice prima che la sua vita cambiasse –. Ormai da diverso tempo non riesco più a spingermi perché la malattia mi sta attaccando anche i muscoli delle braccia. Mi sono informata e ho scoperto che esiste una sedia a rotelle con motore aggiuntivo, ma lo Stato e la Regione FVG lo considerano un optional e quindi a livello economico non avrò nessun tipo di aiuto”.

Il costo è di 6000 euro, insostenibile con la pensione di invalidità che riceve, considerando che sono a suo carico anche le spese necessarie quando si reca per le visite in una struttura neurologica di Milano.

“L’unica cosa che mi resta da fare è chiedere aiuto ad altri, perché questo mezzo mi è indispensabile –
aggiunge Rebecca –. Ho bisogno di aiuto per tornare ad avere un minimo di indipendenza e per non dover stare sempre chiusa in casa”.

Chi volesse aderire all’appello di Rebecca Azzini può effettuare una donazione all’IBAN della stessa Rebecca Azzini: IT98J0344214239000005621324.

(foto dal profilo Instagram)

Commenta con Facebook