Consegnato al Comune di San Daniele l’Oscar del turismo enogastronomico

“Siamo riusciti in un anno a raccogliere diversi premi e riconoscimenti, dai dati presentati da Demoskopika alla scelta fatta da Airbnb di puntare sulla nostra Regione. A questi ora si aggiunge l’oscar del turismo assegnato da The Data Appeal Company. Non è un caso ma il frutto di un importante lavoro svolto in questi anni in Friuli Venezia Giulia, che ci ha permesso di fare rete, di creare un brand regionale unico, che ne faccia una destinazione attrattiva anche a livello internazionale”.
Così l’assessore regionale alle Attività produttive e Turismo Sergio Emidio Bini ha commentato il riconoscimento assegnato a San Daniele del Friuli quale destinazione con la migliore offerta enogastronomica a “Italia Destinazione Digitale”, l’oscar delle destinazioni turistiche italiane, conferito ogni anno da The Data Appeal Company-Gruppo Almawave. Il premio è stato consegnato ieri da Bini nelle mani del sindaco Pietro Valent dopo che due settimane fa era stato attribuito alla città collinare nella cornice del TTG Travel Experience di Rimini, la più importante fiera del turismo business-to-business in Italia.
Bini ha richiamato l’impegno della Regione sugli investimenti fatti nella promozione, nella qualità del sistema ricettivo, nei grandi eventi e nelle imprese turistiche. “I dati delle presenze raccontano di una regione che ormai gioca alla pari con Toscana e Trentino Alto Adige in termini di attrattività e appeal. Il Friuli Venezia Giulia guarda al futuro con lo spirito di chi si lancia verso ulteriore crescita e successo”.

Il sindaco di San Daniele Pietro Valent e l’assessore al Turismo e sport Silvano Pilosio hanno ringraziato il Consorzio del prosciutto di san Daniele per il lavoro fatto in questi anni, le Pro Loco e la Regione per aver puntato sul sistema sandanielese quale eccellenza del Friuli Venezia Giulia.
Nella presentazione del contesto che ha portato al premio è emerso come la comunicazione sui social media abbia cambiato la promozione del territorio, dando centralità alle valutazioni degli utenti e alle esperienze dirette dei turisti. Una gran mole di dati che attraverso software specifici possono essere misurati affinché restituiscano la reputazione di una località nelle sue varie offerte.
Il direttore del Consorzio del prosciutto di San Daniele, Mario Cecchetti, ha invece posto l’accento sul forte legame con il territorio del prosciutto crudo qui prodotto. Un’identità riconosciuta e certificata che sta alla base del suo successo a livello internazionale.
Un ringraziamento e un’attestazione di stima è giunta anche dal presidente della Comunità collinare, Luigino Bottoni, in particolare per il lavoro svolto da PromoTurismoFVG nello sviluppo del turismo lento.
San Daniele ha conquistato il primo posto all’Oscar del turismo superando Dolomiti Paganella (Trentino) e Pollino (Calabria), per la miglior offerta enogastronomica in Italia nell’ultimo anno, secondo un’analisi effettuata da The Data Appeal sulla base di 33 milioni di tracce digitali – recensioni, commenti, contenuti – e dopo aver monitorato 770 mila punti di interesse turistico, storico e culturale, nonché strutture ricettive, quali hotel, locali e ristoranti italiani.
Ideato nel 2016 e giunto alla settima edizione, il premio “Italia Destinazione Digitale” si basa sul monitoraggio e l’analisi dei big data raccolti nel periodo compreso tra il 1 settembre 2021 e il 31 agosto 2022 dalle tecnologie di intelligenza artificiale sviluppate da The Data Appeal Company; il riconoscimento viene assegnato alle regioni e alle destinazioni turistiche italiane che hanno registrato le migliori performance online e si sono distinte agli occhi di turisti e visitatori in termini di percezione online dell’offerta e qualità di ospitalità, servizi ed esperienza.

(in copertina l’assessore regionale Bini consegna il premio al sindaco Valent)