Chiusaforte omaggia Pierluigi Cappello con una mostra e l’intitolazione del teatro

Ha preso avvio a Chiusaforte la seconda edizione del progetto “La Parola limpida di Pierluigi Cappello”, voluto dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Fabrizio Fuccaro e finanziato dalla Regione per 20.000 euro.
Il progetto prevede due primi momenti salienti: una mattinata in collaborazione con le scuole del territorio e una serata durante la quale verrà ricordato il poeta anche tramite una mostra fotografica permanente a lui dedicata.

In questa prima fase, curata dal direttore artistico Giuseppe Tirelli, sono stati coinvolti circa un centinaio di studenti frequentanti gli Istituti superiori di Tarvisio, Gemona e Trasaghis, che hanno ricordato il poeta attraverso alcune opere tratte dal suoi libri: “Ogni goccia balla il tango”, dedicato alla nipotina Chiara, e la poesia “Parole povere”, tratta da “Mandate a dire all’imperatore”. Inoltre è stato proiettato un video in cui Cappello stesso illustrava ai ragazzi come dalle parole più semplici può nascere la magia della poesia, il tutto accompagnato da intermezzi musicali, quasi a creare una analogia tra la semplicità delle note su cui si basa l’armonia e la purezza delle parole dalle quali nasce la poesia.
Una mattinata intensa, istruttiva e divertente allo stesso tempo, conclusa con un momento conviviale per tutti i presenti.

Gli appuntamenti proseguiranno con la mostra fotografica curata da Luca D’Agostino, Fabio Turchini, Giuseppe Tirelli e Roberto Duse, che verrà inaugurata sabato 25 giugno in serata, presso il teatro di Chiusaforte che, sempre in questa data, verrà a lui intitolato.
Nella mostra verranno esposte le foto dei momenti salienti legati alla vita di Pierluigi Cappello dal 2004 al 2015, con l’intento di ricordare l’uomo e i suoi luoghi, ma anche e soprattutto le sue espressioni: l’attenzione assorta, la risata prorompete, la partecipazione divertita. Una mostra il cui intento è di fissare tramite la pellicola momenti ed emozioni che altrimenti andrebbero perduti.
È prevista a breve anche l’esposizione di un’opera che, in occasione del simposio internazionale di sculture su pietra, l’Associazione del Circolo culturale “Il Faro” ha donato al Comune di Chiusaforte per omaggiare il poeta.

“Tante sono, quindi, le figure a diverso titolo coinvolte in questo progetto e tutte legate a Cappello da un senso di affetto e ammirazione – afferma l’assessore alla cultura e istruzione di Chiusaforte Gennj Pegoraro, coordinatrice dell’iniziativa -. Ecco perché la serata di inaugurazione della mostra si prospetta densa di emozioni, sia per chi ha apprezzato Pierluigi tramite le sue opere, sia per quelli che hanno potuto conoscerlo direttamente”.