Cercivento, perde la vita precipitando con la propria auto sul Monte Tenchia

È stato recuperato senza vita l’uomo precipitato con la sua auto sul Monte Tenchia intorno alle 9 di questa mattina. Non c’è stato nulla da fare per Renzo Di Vora, classe 1953, di Cercivento, che stava rientrando assieme ad altri amici da una perlustrazione in quota. L’auto è uscita di strada a quota 1800 metri in un tratto non ripido, non in curva, rotolando per un centinaio di metri. Il conducente, che era assieme al suo cane, è  stato sbalzato fuori dall’abitacolo una quindicina di metri prima del punto in cui l’auto ha fermato la sua corsa. I compagni di escursione, che erano in parte avanti a lui, in parte seguivano poco dopo, si sono accorti della sua assenza e hanno notato in un secondo tempo le tracce delle gomme sulla neve che deviavano verso valle e han dato l’allarme. Le operazioni di soccorso sono state rallentate dalla nevicata in corso, che ha reso necessario montare le catene ai mezzi. La salma è  stata recuperata, dopo l’imbarellamento e la constatazione del medico legale, a bordo strada con la tecnica del contrappeso e l’impiego di corde di sicurezza. Il cane è stato avvistato vagare ancora in vita. Alle operazioni hanno preso parte la stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino e Speleologico, i Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza e i Carabinieri.

Commenta con Facebook