Aperta la stagione di Pesca in Friuli, 3 mila km di canali a disposizione

Ha aperto regolarmente oggi, domenica 26 marzo alle 7.00, la stagione ufficiale di pesca sportiva in Friuli Venezia Giulia gestita e controllata dall’Ente regionale per la tutela della pesca (Etp). Nonostante l’inverno appena concluso sia stato particolarmente siccitoso, non si registrano criticità sui corsi della regione, anche se il ridotto livello delle acque crea qualche preoccupazione. Le operazioni di ripopolamento sono agli sgoccioli. Nei 3.000 chilometri di canali artificiali sui quali l’Ente tutela pesca opera, sono in fase di rilascio le trote adulte. Nei corsi d’acqua naturali, invece, tali interventi sono stati quasi completati in vista dell’appuntamento odierno, con quantitativi ragguardevoli: circa 20 mila chili di trota adulta dei quali 10 mila di marmorata sono stati infatti liberati finora riservando quest’ultima ai corsi d’acqua più integri dal punto di vista ambientale.

Per il programma di ripopolamento, saranno immessi 1,2 milioni di avannotti di marmorata, 300 mila uova embrionate e 120 mila pezzi di novellame. “Il livello delle acque è piuttosto basso – sottolinea il presidente dell’Etp, Flaviano Fantin – ma non ha comunque bloccato le operazioni. Contiamo dunque sulla regolare apertura della stagione di pesca, alla quale partecipano ogni anno migliaia di appassionati. L’Etp, nonostante le difficoltà, prosegue con la massima efficienza il lavoro per adempiere ai suoi compiti istituzionali. In sede di approvazione del bilancio per il 2017, l’Ente ha deciso stanziamenti per il rafforzamento della vigilanza volontaria ed è allo studio anche un nuovo progetto per incrementare la fauna ittica nei laghi”.