Ancora aperta la ricerca di specializzati nelle cartiere dell’Alto Friuli

È stato prorogato al 16 settembre il termine di iscrizione al corso che formerà gli addetti specializzati nella lavorazione di carta e cartone e mirato all’inserimento lavorativo nelle principali cartiere dell’Alto Friuli.

Il naturale tournover della forza lavoro, ma anche l’esigenza di implementare le competenze delle maestranze in ambito Industry 4.0 e Ricerca&Sviluppo. Sono queste le motivazioni che hanno fatto sì che in alcune importanti aziende del settore cartario e cartotecnico dell’area montana si manifestasse l’esigenza di assumere personale qualificato. 

È nato così il corso su commessa aziendale per addetti alla lavorazione di carta e cartone, co-progettato dalla Regione FVG e Cramars, cooperativa per lo sviluppo sociale di Tolmezzo. 

Il corso, finanziato nell’ambito del progetto di formazione per il lavoro PIPOL, ha una durata di 400 ore, è completamente gratuito e comprensivo di attività didattico/laboratoriali così come di uno stage di 140 ore presso le aziende interessate che darà ai corsisti l’opportunità di entrare immediatamente in contatto con le aziende e di mettere a frutto, ma anche di dimostrare, le competenze acquisite e quindi di aggiudicarsi un’occupazione in un settore importante per la realtà produttiva della montagna friulana.

“La nostra azienda è in costante evoluzione. – commentano dalla direzione delle Cartiere Ermolli di Moggio Udinese (nella foto), realtà con cent’anni di storia e circa 200 collaboratori, specializzata nella produzione di carte su misura – Lavoriamo a ciclo continuo su tre turni giornalieri sette giorni su sette e produciamo su richiesta carte speciali di molteplici grammature e tipologie, anche per bassi quantitativi. Inoltre, abbiamo avviato un processo di sviluppo aziendale orientato alla sostenibilità e alla produzione di imballi alimentari, perciò l’introduzione di figure professionali altamente specializzate è imprescindibile per perseguire i nostri obiettivi e mantenere la competitività sul mercato. 

Aggiunge Paolo Simonato, responsabile del personale di Mosaico SpA, appartenente al Gruppo Burgo, che impegna circa 300 persone: “L’industria di lavorazione della carta è caratterizzata da un processo che presenta molteplici variabili che richiedono attitudine al problem solving coniugata a competenze specifiche. Parte della formazione avviene in azienda, attraverso il trasferimento di know-how specifico, ma è importante per le aziende potersi confrontare con collaboratori dotati di una buona base di conoscenza.”

Si aggiunge la direzione di RDM Group, cartiera presente in Friuli con uno stabilimento a Ovaro con capacità produttiva di circa 110.000 tonnellate e circa 160 collaboratori: “La decisione di ospitare alcuni stagisti nasce dall’esigenza di favorire una maggiore formazione specifica su alcune attività alla base del nostro processo produttivo. La scelta del Gruppo di sostenere il corso nasce anche dalla convinzione che le risorse umane costituiscano un elemento cruciale per il nostro business: non potremmo creare valore durevole nel tempo senza il lavoro qualificato del personale impegnato nei nostri stabilimenti e uffici. È interesse e impegno di tutto il Gruppo creare e mantenere le condizioni necessarie affinché le capacità e le conoscenze di ogni dipendente possano accrescere ulteriormente.  

RDM Group è il primo produttore in Italia, Francia e nella Penisola Iberica di cartoncino patinato a base riciclata utilizzato principalmente per imballaggi e astucci pieghevoli in tutti i principali settori merceologici.” 

Ed è proprio dalla richiesta specifica delle aziende di questo settore che nasce l’obiettivo principale del corso su commessa aziendale sviluppato da Cramars: formare addetti alla lavorazione di carta e cartone da introdurre nei reparti produttivi di cartiere e cartotecniche, che conoscano le fasi della trasformazione della materia prima.  

Per candidature o ulteriori informazioni, entro il 16 settembre è possibile visitare il sito della Regione FVG alla sezione Servizi per i lavoratori oppure il sito della Cooperativa Cramars.