Al Sociale di Gemona la storia di un pianoforte portato nel cuore dell’Himalaya

Cortomontagna, sezione video del Premio Leggimontagna, e la Cineteca del Friuli in collaborazione con il Trento Film Festival e il CAI FVG presentano mercoledì 5 febbraio alle ore 21 al Cinema Sociale di Gemona “Piano to Zanskar” (ovvero “Pianoforte a Zanskar”).

Per il suo primo documentario, già portato con successo in numerosi festival, il regista Michal Sulima, di origine polacca e laureato in Fotografia alla University of the Arts di Londra, ha scelto una storia davvero straordinaria, quella dell’accordatore londinese Desmond O’Keeffe, detto anche Mr. Gentle, che, giunto all’età della pensione, anziché godersi il meritato riposo sceglie di effettuare la consegna più complicata della sua vita: portare un pianoforte a muro di 100 anni, pesante 80 chili, dalla movimentata Camden Town a una scuola elementare di Lingshead, nella regione dello Zanskar, uno dei luoghi più isolati al mondo nel cuore dell’Himalaya indiana, a oltre 4000 metri di altitudine.
Aiutati da un gruppo di Sherpa oltre che da yak e pony, Desmond e i suoi giovani assistenti affrontano un viaggio ai limiti del possibile, un’odissea fra visioni di paesaggi meravigliosi e difficoltà che testano la loro resistenza fisica e psicologica. Se avrà successo sarà la consegna di pianoforte più “alta” di sempre ma l’impresa è soprattutto un tributo al valore universale della musica. Piano to Zanskar è in lingua originale (inglese e hindi) con sottotitoli in italiano. Ingresso libero.

La presentazione gemonese è la terza tappa, dopo Moggio Udinese e Pontebba, della rassegna diffusa “Al cinema con Cortomontagna”, che porta in Friuli alcuni dei titoli presentati all’ultimo festival di Trento e che si concluderà giovedì 6 febbraio a Prato di Resia con il documentario norvegese Queen Without Land, sulla difficile lotta dell’orso bianco per la sopravvivenza.

Commenta con Facebook