A Paola Del Din la cittadinanza onoraria del Comune di Tavagnacco

“Paola Del Din riceverà la cittadinanza onoraria del Comune di Tavagnacco, dopo aver meritato quella di Tolmezzo. Ma io credo che il suo esempio di combattente per la libertà la renda di fatto cittadina onoraria dell’intero Friuli Venezia Giulia”.

Ne è convinto Piero Mauro Zanin, presidente del Consiglio regionale, che inquadra così la cerimonia organizzata dal municipio friulano a Feletto Umberto. Un’iniziativa ideata per sottolineare ancora una volta lo straordinario esempio della 99enne partigiana, che nel 1960 si vide attribuire l’onorificenza della medaglia d’oro al valor militare per il coraggio dimostrato come staffetta e informatrice della brigata Osoppo, negli anni tragici del post-armistizio.

“Il suo nome di battaglia era Renata – ricorda Zanin – e davvero la lotta al nazifascismo rappresentava per Del Din e per tanti altri il desiderio di una rinascita, personale e collettiva, dopo tante tragedie: il fratello di Paola venne infatti brutalmente ucciso dai tedeschi”.

“Le imprese e la tenacia della partigiana Renata sono degne di un film: riuscì a consegnare preziosi documenti dovunque in Italia, è stata la prima donna paracadutista militare, non si fermò neppure davanti a una caviglia fratturata in un atterraggio. E il suo impegno nelle file della Brigata Osoppo – conclude il presidente dell’Aula – l’ha legata in modo indissolubile alla nostra regione”.