A Gemona una visita guidata al colle del Castello e all’ossario del Duomo

Proseguono le visite archeologiche promosse con successo dall’Ecomuseo delle Acque del Gemonese e dalla Società Friulana di Archeologia nei comuni del Gemonese. Sabato 17 settembre è in programma una visita guidata a due siti di grande interesse, il colle del Castello e l’ossario del Duomo nel centro storico di Gemona. I partecipanti saranno accompagnati dall’archeologo Davide Casagrande e dall’architetto Alberto Antonelli, a suo tempo coinvolti nelle attività di ricerca sul campo e di progettazione. Un’occasione da non perdere, per conoscere la storia di una città dove la posizione geografica ha assunto un ruolo decisivo condizionando l’insediamento e la sua evoluzione nei secoli. Ritrovo alle 16 sul colle del Castello. La prenotazione è obbligatoria (info@ecomuseodelleacque.it, 338 7187227).

Il colle, luogo di controllo e difesa, è stato oggetto di sondaggi e indagini archeologici eseguiti prima della ricostruzione del Castello: i dati hanno evidenziato come gli eventi storico-politici abbiano prevalso su quelli naturali nel determinare le sorti della struttura. L’ossario del Duomo sotto la sagrestia è un complesso sotterraneo nascosto per secoli tra le fondamenta della chiesa. Gli scavi condotti dopo il terremoto hanno fatto rinvenire un’ampia cripta che conservava migliaia di resti ossei umani e centinaia di reperti. Il deposito delle ossa iniziò verso la fine del Duecento e proseguì fino alla definitiva sigillatura della cripta avvenuta nel 1830. L’ambiente è stato musealizzato con un suggestivo percorso di visita.

(in copertina, nella foto di Alberto Antonelli, la volta della cripta sotto la sagrestia del Duomo di Gemona)