Bandiere a mezz’asta in tutto il Friuli per i funerali di Giulio Regeni

La Presidenza della Regione Friuli Venezia Giulia, ribadendo il profondo cordoglio per la tragica scomparsa
di Giulio Regeni, per il tramite della rete della Protezione civile ha invitato tutti i sindaci ad esporre le bandiere a mezz’asta nella  giornata di venerdì prossimo 12 febbraio, in occasione della celebrazione dei funerali.

L’iniziativa intende essere un simbolico segno di lutto e di rispetto per la memoria del giovane ricercatore ucciso e per esprimere la vicinanza dell’intera comunità regionale alla famiglia Regeni.

giulio regeni
Giulio Regeni

I funerali del ragazzo friulano di 28 anni saranno celebrati alle 14 nella palestra comunale di Fiumicello. Lo ha annunciato il sindaco Ennio Scridel precisando che non saranno funerali di Stato. Alla cerimonia funebre seguirà un corteo fino al cimitero comunale. Scridel ha sottolineato di avere avuto l’autorizzazione della famiglia ad annunciare le esequie, che si svolgeranno con il rito religioso. “I funerali sono aperti a tutti – ha aggiunto il sindaco – le autorità se verranno parteciperanno in forma privata come liberi cittadini”.
L’invito rivolto a coloro che parteciperanno ai funerali è di fare opere di bene e di non di portare fiori. È questa la volontà della famiglia Regeni, che provvederà poi a distribuire i beni ai bisognosi. La salma di Giulio Regeni sarà trasferita venerdì mattina a Fiumicello, poco prima dei funerali. Secondo quanto si è appreso, un’impresa di onoranze funebri preleverà il feretro giovedì sera a Roma.