Minaccia con un coltello gli operatori dell’Agricomunità di Museis, denunciato 17enne

Tensioni nella giornata odierna presso l’Agricomunità di Bosco di Museis a Cercivento, in Carnia, tanto da dover richiedere l’intervento dei Carabinieri.

Da quanto si è appreso infatti uno degli ultimi ospiti arrivati nella struttura, adibita per metà a fattoria didattica e sociale in favore di persone disagiate e per metà a centro di accoglienza per minori stranieri richiedenti asilo, avrebbe dato in escandescenza, arrivando a minacciare con un coltello da cucina un operatore della comunità.

Si tratta di un 17enne di origine albanese, affidato alla struttura di Museis dai servizi sociali di Venezia assieme al fratello gemello. Il giovane, arrivato nella serata di lunedì, avrebbe da subito mostrato segnali di insofferenza, iniziando a dare in escandescenza.

Poi oggi ha manifestato nuove esuberanze, prendendosela prima con un aiuto cuoca, poi con uno degli educatori in servizio verso il quale avrebbe agitato il coltellaccio minacciandolo più volte. Sarebbero rimaste ferite, per fortuna in maniera lieve, due persone. E’ stato quindi un terzo addetto della struttura a disarmare il ragazzo.

Sul posto sono stati chiamati quindi i Militari dell’Arma della Compagnia di Tolmezzo che dopo aver sedato gli animi e ricostruito i fatti, hanno provveduto a denunciare in stato di libertà il 17enne per minaccia aggravata. Il ragazzo quindi verrà riaffidato dai servizi sociali ad altra struttura.

Commenta con Facebook

3 pensieri riguardo “Minaccia con un coltello gli operatori dell’Agricomunità di Museis, denunciato 17enne

  • 19 Gennaio 2016 in 20:12
    Permalink

    Ma come, quando è andato in televisione a sventolare una copia del Vangelo ha detto che ha una casa bellissima, una moglie e due figlie bellissime, che lì regnano pace e concordia e i ragazzi che lui ospita “senza guadagnarci” sono bravissimi e non hanno mai dato problemi.
    Non sarà che si sono stancati di lavorare gratis?
    Sai com’è, certe “risorse” sono diverse dalle sue api, in genere non sono così operose…

  • 20 Gennaio 2016 in 11:39
    Permalink

    Ci sta che in una Comunita’ci sono anche persone con disagio?
    Ci sta che il cervello e’ fine come un capello ? Ci sta che certi eventi sono imprevedibili?

    Ci sta che giudicare spetta solo a chi di dovere e non a chi legge senza tutto sapere!?

  • 20 Gennaio 2016 in 13:04
    Permalink

    Vabbè, qualche problema con un ospite che costa a noi tutti 80 euro al giorno ci sta. Sono 2400 euro al mese. Se gli ospiti dono 40 fruttano a Garibaldi 96.000 euro al mese.
    Siamo davvero dei coglioni noi italiani.

I commenti sono chiusi