Taglio del nastro. Da sinistra Rosolen, Petrillo, Siagri, Zilli e Zanella