Basket D, Tolmezzo cede a Tarcento solo dopo due supplementari

IDEALSERVICE TARCENTO – METALLICA TOLMEZZO 76-73

 

IDEALSERVICE TARCENTO: Bosa ne, De Zanchi 10, Minute 6, Noselli 14, Borghese, Gozzi 20, Del Fabbro ne, Idelfonso 17, Martinelli 1, Maran, Avramovic, Andriola S. 8. All. Simonaggio.

METALLICA TOLMEZZO: Iob 7, Cimenti 3, Francescatto 7, Cuder G., Mecchia 15, Stefanutti 8, Ajello 2, Fachin ne, Tambosco ne, Tosoni 18, Dalla Marta, Maso 13. All. Cuder M.

Arbitri: Zannier e Parisi.
Parziali:  15-15, 32-30, 42-39, 56-56, 64-64.

Una partita non adatta ai deboli di cuore quella che si è giocata venerdì sera a Pasian di Prato tra l’IdealService Tarcento e la Pallacanestro Tolmezzo, con i tarcentini che l’hanno spuntata solamente dopo due tempi supplementari. Nonostante una sconfitta che lascia l’amaro in bocca, la squadra di Coach “Gigi” Cuder torna in Carnia a testa alta, pronta ad affrontare lo scontro diretto di giovedì sera contro la Collinare Fagagna (palla due ore 20.30 al Palazzetto dello sport di Tolmezzo).

Un primo quarto sugli scudi per entrambe le squadre, con i quintetti che si studiano a vicenda portando il punteggio sul 15 pari. Stefanutti e Tosoni leader offensivi per gli ospiti, mentre l’ex Fabiano Idelfonso guida Tarcento facendo valere la propria presenza fisica sotto canestro.

Il secondo periodo ha poco da raccontare in più rispetto al suo predecessore, con le due compagini che praticamente producono gli stessi punti del quarto precedente. Se da un lato interviene Gozzi a supportare Idelfonso durante gli attacchi dei biancoverdi, dall’altro sale in cattedra Ale Mecchia che con tre triple consecutive permette ai suoi di rimanere in partita. Tarcento avanti di due e a metà partita il tabellone dice 32-30.

È terzo quarto caotico da per entrambe le squadre, con diverse fasi confuse del gioco e tanta fatica a far muovere la retina del canestro. È ancora Gozzi a spiccare per i padroni di casa, coadivuato dal compagno Noselli. Tolmezzo dal canto suo sfrutta rapidità e precisione dei suoi piccoli e con Iob e Maso si riporta sotto fino al 42-39 con cui si conclude il periodo.

Nel quarto periodo Tarcento sembra averne di più e sfrutta lo stato di grazia di Noselli per provare l’allungo decisivo. Tolmezzo dà il tutto per tutto per non cedere e quando i giochi sembrano ormai fatti l’esperienza di Tosoni, Stefanutti e capitan Francescatto guida gli ospiti fino al momentaneo sorpasso del +1. Momento di massima suspance a pochi secondi dalla fine quando Gozzi in lunetta ha la possibilità di far calare il sipario sull’incontro ma, sbagliando uno dei due tiri liberi, porta la partita ai tempi supplementari sul punteggio di 56 pari.

Quando tutti si aspetterebbero il crollo fisico degli ospiti, il Tolmezzo non solo rimane in corsa grazie soprattutto a Francescatto e Tosoni ma ha anche la possibilità di chiudere la partita, se non fosse che la palla scivola dalle mani dello stesso Tosoni a 4 secondi dalla fine. Dopo il timeout chiamato da Tarcento ci pensa un’ottima difesa di Iob a evitare (o forse è più corretto dire rinviare) la beffa sull’ultimo tiro del periodo.

Nel secondo tempo supplementare le cose si complicano per i ragazzi di Coach Cuder, sia per l’uscita dal campo di Stefanutti e Francescatto per il raggiungimento dei cinque falli personali, sia perché la coppia arbitrale comincia a trattare Gozzi (fin qui comunque gran partita per lui) con un occhio di riguardo, con un paio di chiamate, per usare un eufemismo, a dir poco discutibili. Con Tarcento avanti di tre punti Tosoni prova dall’arco a pareggiare i conti, ma il tentativo viene ostacolato in modo evidentemente falloso dagli avversari, con l’arbitro che non se la sente di prendersi la responsabilità di concedere i tre tiri liberi. La partita finisce 76 a 73 per i padroni di casa tra le proteste inutili di una Pallacanestro Tolmezzo che merita comunque gli applausi per la gara disputata. 

Commenta con Facebook