Il 67° SuperGiroDolomiti transiterà anche in Alto Friuli

Il Giro delle Dolomiti ha una storia che risale a oltre 67 anni fa ed è quindi considerato uno degli eventi ciclistici più antichi che ancora oggi vengono organizzati in Austria.
Nel 1950 si tenne per la prima volta il classico giro delle Dolomiti di Lienz, romantiche e selvagge al tempo stesso. Allora si iniziava ancora nella categoria palmer e copertoni. Il primo vincitore fu il salisburghese Josef Stubenvoll, che venne festeggiato nella piazza principale di Lienz. Da allora la città delle Dolomiti ha fatto molto per il ciclismo. Non solo il fatto che il giro d’Austria è ospitato da 60 anni in Osttirol, o che il “Giro d’Italia” e il “Giro del Trentino” hanno più volte fatto tappa qui, ma anche in termini di offerta turistica. Ad esempio sulla pista ciclabile della Drava tra San Candino e Lienz nei mesi estivi si possono contare ogni giorno fino a 4000 ciclisti.

Questo sviluppo è stato fortemente determinato anche dalla nuova edizione del Giro delle Dolomiti nel 1987. Da allora ogni anno la seconda domenica di giugno viene organizzato questo giro turistico. Per questo motivo quest’anno, domenica 11 giugno, si festeggia un grande anniversario.
Il Giro delle Dolomiti rientra da anni tra le maratone ciclistiche più apprezzate di tutto l’arco alpino. Una perfetta organizzazione, l’atmosfera unica trasmessa dalle migliaia di spettatori entusiasti che si snodano lungo la tratta e anche le numerose bande musicali che suonano nei paesini fanno percepire nel Giro delle Dolomiti un’atmosfera simile a quella del grande “Giro”. Il percorso attraverso la regione più ecologica d’Europa e il traguardo nella città vecchia di Lienz entusiasmano tutti gli appassionati del ciclismo.

Anche leggende del ciclismo come Francesco Moser conoscono questa sensazione e ritornano sempre al Giro delle Dolomiti.

Massimo Mentil

In occasione del 30° anniversario, i partecipanti riceveranno una maglia speciale. Una maglia simile era stata indossata 40 anni fa da Francesco Moser durante il primo “Giro del Trentino”. Poiché c’è solo, un numero limitato di questa preziosa maglia, il consiglio è di richiederla rapidamente al sito www.dolomitensport.at. In questo modo si potrà anche risparmiare sulla tassa di iscrizione.
Quale nuova variante extreme il “SuperGiroDolomiti” si snoda per 232 km fino in Friuli e quindi sul suolo italiano. Prima di poter superare il traguardo a Lienz si devono superare 5234 metri di dislivello, passando tra l’altro per Passo Monte Croce Carnico, Paluzza, Ligosullo, Paularo, Passo Lanza, Pontebba e Passo Pramollo.

Del SuperGiroDolomiti parla in questa audiointervista il sindaco di Paluzza, Massimo Mentil.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *